Chris Pratt sta facendo la dieta Daniel Fast. Ma è salutare?

  • di
By Jamie Ducharme

January 16, 2019 2:55 PM EST

Il Daniel Fast è stato intorno a molto tempo – dal Vecchio Testamento, in effetti. Ma l’attore Chris Pratt gli ha dato nuova popolarità di recente pubblicando una storia di Instagram sull’adozione come sua ultima dieta.

Pratt ha descritto il piano come “21 giorni di preghiera e digiuno”. Ma cosa comporta effettivamente il Daniel Fast – ed è sano? Ecco cosa c’è da sapere.

Che cos’è il Digiuno di Daniele?

Il Digiuno di Daniele è un piano alimentare religiosamente radicato, a breve termine, tratto dal Libro di Daniele, che appare nel Vecchio Testamento. Nella storia, Daniele decide di evitare i cibi ricchi e indulgenti che lo circondano e di avere “nient’altro che verdure da mangiare e acqua da bere” per 10 giorni. (Alcune traduzioni interpretano le verdure come legumi, cioè cibi cresciuti dai semi). Un riferimento successivo dice: “Io, Daniele, sono stato in lutto per tre settimane. Non mangiai alcun cibo di prima scelta; né carne né vino toccarono le mie labbra; e non usai alcuna lozione fino alla fine delle tre settimane”. Alla fine del digiuno, era sano, con sorpresa di tutti.

Nonostante le sue antiche radici, libri e guide online sul digiuno di Daniele sono stati pubblicati dal 2007 circa, quando il blog Daniel Fast è stato lanciato. La maggior parte delle guide contemporanee indirizza i seguaci a mangiare solo cibo ricavato dai semi – come frutta, verdura, legumi e cereali integrali – per 21 giorni, e a tagliare fuori alcol, caffeina, carne, latticini, zucchero, grassi e cibi lavorati.

Mentre la maggior parte dei piani non offre consigli specifici sulle lozioni, essi sottolineano l’importanza di sacrificare le comodità fisiche e materiali per il bene della crescita spirituale; molti seguaci combinano anche lo stile alimentare con la preghiera regolare o la pratica spirituale. È popolare tra i cristiani evangelici, e nel 2011 un pastore californiano ha usato la dieta per aiutare la sua congregazione evangelica a perdere un collettivo di 260.000 libbre.

Il Daniel Fast è sano?

Richard Bloomer, decano della Scuola di Studi sulla Salute dell’Università di Memphis, ha condotto diversi piccoli studi sul Daniel Fast. La sua ricerca ha scoperto che, dopo solo tre settimane, la dieta può iniziare ad abbassare i fattori di rischio per le malattie metaboliche e cardiovascolari, come la pressione alta e il colesterolo, e ridurre lo stress ossidativo, uno squilibrio fisico che può contribuire alla formazione di malattie croniche. In generale, le diete a base vegetale sono associate a benefici per la salute, tra cui tassi più bassi di malattie croniche e vite più lunghe.

“Mostra solo, credo, il potere del cibo”, dice Bloomer. “C’è un sacco di potenziali benefici per la salute derivanti dall’adozione di questo approccio.”

Bloomer dice che il Daniel Fast è essenzialmente una dieta vegana, ma potenzialmente ancora più sana, dal momento che elimina gli alimenti trasformati che possono essere dotati di zucchero, grassi, sale e conservanti. “Non stiamo pensando alla restrizione delle proteine animali, di per sé, ma più alla restrizione di tutte le altre cose che si trovano nei cibi confezionati”, così come l’aggiunta di cibi più ricchi di sostanze nutritive, dice.

Mentre il Daniel Fast non limita esplicitamente il numero di calorie che i seguaci consumano, Bloomer dice che la maggior parte delle persone che lo seguono finiscono per mangiarne di meno riempiendosi di cibi interi ricchi di sostanze nutritive e fibre invece di carne, latticini e prodotti trasformati. Wayne Jonas, un medico di famiglia e direttore esecutivo di Samueli Integrative Health Programs presso l’Università della California, Irvine, dice che questo tipo di restrizione calorica – che è simile al tipo di digiuno intermittente – non è pericoloso, fino a quando le persone stanno ancora mangiando abbastanza per sentirsi sazi. “Si tratta di un quadro religioso intorno a un processo che conosciamo biologicamente da molto tempo”, dice.

Jonas spiega che la restrizione calorica periodica può non solo stimolare la perdita di peso, ma anche avviare processi cellulari e metabolici che migliorano la salute.

“Siamo troppo indulgenti con le calorie la maggior parte del tempo in questo paese, quindi facendo meno di questo, si ottengono benefici per la salute”, dice Jonas. “Il tuo corpo sta andando a calci in alcuni dei processi riparativi e metabolici che sappiamo sono associati con una vita più lunga.”

Si dovrebbe provare il Daniel Fast?

Jonas dice che la maggior parte delle persone abbastanza sane dovrebbe essere in grado di completare il Daniel Fast senza problemi. Le persone con condizioni di salute croniche – specialmente quelle che richiedono un monitoraggio della dieta, come il diabete, l’insufficienza cardiaca congestizia e le malattie renali – dovrebbero prima consultare un medico.

Tutti coloro che scelgono di intraprendere il Digiuno Daniele dovrebbero assicurarsi di essere adeguatamente preparati, dice Bloomer. Mentre un sacco di pasti possono essere creati da cibi vegetali, Bloomer dice che le persone che in genere si basano su ristoranti, cibo da asporto e cibi confezionati possono trovare difficile da regolare.

“Se la gente sente parlare e leggere su di esso, non suggerirei che vanno fuori e iniziare il giorno dopo”, dice Bloomer. “Andate a fare la spesa e passate il tempo a guardare le etichette. È un’educazione alimentare forzata.”

Scrivi a Jamie Ducharme su [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *