La libertà di stampa è sancita dal primo emendamento, ma ciò che significa è cambiato

Ragazze che leggono l’articolo 1, Libertà di parola, durante le cerimonie della Bill of Rights che si tengono al City Hall di New York City, c. 1938 – Underwood Archives/Getty Images

Ragazze che leggono l’Articolo 1, Libertà di parola, durante le cerimonie della Bill of Rights che si tengono al City Hall a New York City, c. 1938 Underwood Archives/Getty Images

Di Olivia B. Waxman

Aggiornato: May 3, 2019 12:16 PM ET | Originariamente pubblicato: May 3, 2019 11:00 AM EDT

Le Nazioni Unite riconoscono il 3 maggio come Giornata mondiale della libertà di stampa, e il tema di quest’anno è “Media per la democrazia, il giornalismo e le elezioni in tempi di disinformazione” – una scelta intesa a incoraggiare le discussioni sulle sfide affrontate dalla stampa oggi quando si tratta di riferire sulle elezioni.

La nostra non è la prima epoca a riconoscere l’importanza di una stampa libera in una democrazia funzionante. Negli Stati Uniti, questo riconoscimento risale praticamente all’inizio, dato che il Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, tra le sue altre garanzie, impedisce al Congresso di fare qualsiasi legge “che limiti la libertà di parola, o di stampa.”

Ma il significato di queste parole si è evoluto – e, come si è scoperto, l’idea moderna di una stampa libera è un’innovazione più recente di quanto sembri. Per saperne di più, TIME ha parlato con Lee C. Bollinger, presidente della Columbia University e co-editore del recente The Free Speech Century, un’antologia di saggi sul Primo Emendamento.

TIME: Perché abbiamo il Primo Emendamento?

BOLLINGER: Nelle democrazie, l’idea è che la sovranità sia dei cittadini. Affinché questa sovranità sia esercitata efficacemente, i cittadini devono essere in grado di discutere le cose e farlo liberamente senza l’interferenza del governo. Penso che la libertà di stampa sia intimamente associata a questo, e questo è molto facile da capire se si parte da questa premessa. I cittadini non possono sapere tutto quello che devono sapere sul governo e c’è bisogno di istituzioni che si dedichino a cercare di informare la gente.

Il Secolo della Libertà di parola prende il 1919 come punto di partenza. Perché allora?

Non è stato fino al 1919 che la Corte Suprema ha pesato per la prima volta per dire cosa significa realmente questo diritto espresso nel Primo Emendamento. Perché iniziò allora è uno dei misteri e degli enigmi della storia degli Stati Uniti e della storia del Primo Emendamento. Quello che sappiamo è che nella prima guerra mondiale c’era un crescente senso di patriottismo, come sempre accade nelle guerre, e che si accompagnava a un caso davvero grave di intolleranza verso chiunque dissentisse. Nel 1919, c’erano diversi casi che facevano parte di questa ondata di intolleranza nel paese. Tre di questi casi – Schenck, Frohwerk e Debs – arrivarono fino alla Corte Suprema, che respinse all’unanimità l’affermazione che la libertà di parola era stata violata. Così fu un inizio infausto per il Primo Emendamento come lo conosciamo oggi.

Anche se la corte non raggiunse un risultato a favore della libertà di parola come la pensiamo oggi, un’opinione del giudice Oliver Wendell Holmes disse che il Primo Emendamento proteggeva la parola dall’intervento del governo fino a quando non ci fosse un pericolo chiaro e presente. Le giurie in quei casi potevano trovarne uno, ed è per questo che affermarono le condanne, ma lo standard prese piede come una dichiarazione potenzialmente forte sul Primo Emendamento, nel senso che il governo aveva l’onere ora di provare alle giurie e alle corti che c’era un pericolo chiaro e presente, altrimenti non potevano sopprimere il discorso. Holmes fu poi affiancato da un nuovo giudice, Louis Brandeis, e insieme scrissero, in una serie di opinioni, alcune delle più eloquenti, potenti e persuasive difese della libertà di parola e di stampa. Mentre erano in dissenso in quei primi anni, negli anni ’20, il loro punto di vista alla fine ebbe la meglio.

Cosa pensa che i Framers penserebbero oggi della relazione tra il presidente degli Stati Uniti e la stampa?

È difficile sapere cosa pensassero i Framers, ma se si prende la somma della storia degli Stati Uniti si deve essere davvero scoraggiati e profondamente preoccupati per il modo in cui la libertà di parola e la libertà di stampa vengono parlate oggi da molte persone in questa società, ma dal presidente in particolare. Ci sarà sempre infelicità da entrambe le parti, perché la stampa non ha accesso alle informazioni e il governo sente di non avere la capacità di funzionare efficacemente. Si è raggiunto un livello di mancanza di rispetto per i principi fondamentali della libertà di parola e di stampa che è allarmante. Ci sono molti modi in cui un governo può esercitare la censura. Uno è fare una legge, ma ci sono molti modi più sottili in cui si possono realizzare forme molto simili di censura. L’attacco alla stampa, l’incitamento all’intolleranza nella società verso altri punti di vista e verso la stampa, è esso stesso una forma di censura.

Come si è evoluta l’interpretazione del Primo Emendamento dal 1919? A volte la corte era molto protettiva nei confronti della parola; a volte era molto poco protettiva nei confronti della parola. Ci sono meravigliose decisioni a favore della libertà di parola negli anni ’30, alcune negli anni ’40. Il famoso esempio degli anni ’50 riguarda l’era McCarthy e gli sforzi del governo per perseguire le persone che si credeva avessero opinioni comuniste, quindi c’è una sorta di alti e bassi.

Poi tutto è cambiato negli anni ’60, in particolare con New York Times v. Sullivan; quel caso ha stabilito che un cittadino non può essere citato per diffamazione o calunnia da un pubblico ufficiale per le falsità che il cittadino può aver espresso, a meno che il pubblico ufficiale possa dimostrare che il cittadino ha fatto quelle false dichiarazioni consapevolmente o in spregio alla verità. Questo è stato molto importante per stabilire il diritto dei cittadini di criticare i funzionari governativi. Ma ciò che era più importante era che stabiliva un’ampia teoria della libertà di parola che era altamente protettiva. Così, quando ho detto che la gente pensa che abbiamo il Primo Emendamento a causa della sovranità che risiede nei cittadini, questa idea è stata espressa nel New York Times contro Sullivan in un modo molto eloquente. E negli ultimi 50 anni, ma solo 50 anni, abbiamo avuto un solido principio di libertà di parola nella stampa. La giurisprudenza e la libertà di parola e di stampa, come sviluppata a partire da New York Times v. Sullivan, è uno dei grandi beni pubblici che gli Stati Uniti hanno offerto al mondo.

Cosa pensa che ci aspetti per il primo emendamento?

C’è una visione della Costituzione degli Stati Uniti che dovrebbe essere interpretata secondo l’intento originale dei Framers, ma il fatto della questione è che sappiamo praticamente molto, molto poco di ciò che i Framers pensavano che questi termini generali dovessero significare. Il primo emendamento dice: “Il Congresso non farà alcuna legge… che limiti la libertà di parola o di stampa”. Questo è molto, molto generale. Cos’è la libertà di parola? Penso che deliberatamente non l’abbiano detto perché deve essere interpretato per ogni nuova generazione. Penso che l’unica cosa che i Framers troverebbero angosciante è se l’intero progetto fosse abbandonato. È nostra responsabilità continuare a svilupparlo in modo responsabile.

Come affronteremo le nuove tecnologie della comunicazione, Internet e i social media? Il discorso distruttivo è sulle piattaforme dei social media. Una decina di anni fa, si pensava che gli stessi media fossero la risposta definitiva a un mercato aperto delle idee, e la realizzazione finale della libertà di parola perché ora tutti possono parlare. Dobbiamo capire gli argomenti a favore della protezione e dobbiamo essere aperti agli argomenti contro la protezione. La Corte Suprema ha due decisioni che incontrano conclusioni diametralmente opposte su questo; nel 1952, la Corte Suprema ha detto che l’Illinois poteva punire qualcuno per un discorso razzista che era accaduto in quel caso, e poi nel 1968, in Brandenburg contro Ohio, la Corte Suprema ha raggiunto un risultato diverso, dicendo che una riunione del Klan che includeva potenziali minacce contro neri ed ebrei era discorso protetto. Brandenburg ha più o meno vinto, ma la questione continua ad essere oggetto di dibattito.

Quale dovrebbe essere il significato della storia del Primo Emendamento nella Giornata Mondiale della Libertà di Stampa?

Le domande su uno sviluppo globale di norme sulla libertà di stampa che possiamo rispettare sono estremamente importanti. L’omicidio di Khashoggi deve essere considerato non solo come una violazione internazionale dei diritti umani, ma anche come una questione diretta del Primo Emendamento. Probabilmente è stato assassinato a causa di ciò che diceva sul Washington Post. Era un residente americano protetto dal Primo Emendamento in ciò che diceva, e un governo straniero ha presumibilmente portato al suo assassinio a causa di quelle dichiarazioni. Dato che ora abbiamo un mondo economicamente più interconnesso, il mondo è molto più integrato. Viviamo tutti più vicini e ci sono questioni globali che possono essere decise solo su base globale.

Scrivete a Olivia B. Waxman a [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *