Prodotti topici usati per il trattamento delle comuni infezioni della pelle

01 aprile 2002
5 min read

Salva

La rubrica di questo mese parla delle comuni infezioni batteriche della pelle e delle forme e dei dosaggi adeguati di trattamento.

Edizione: Aprile 2002

Aggiungi l’argomento agli avvisi via e-mail
Ricevi un’e-mail quando vengono pubblicati nuovi articoli su
Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere un’e-mail quando vengono pubblicati nuovi articoli su .

Iscriviti

AGGIUNTO AGLI AVVISI EMAIL
Ti sei aggiunto con successo agli avvisi. Riceverai un’email quando verranno pubblicati nuovi contenuti.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail

Ti sei aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’email quando verranno pubblicati nuovi contenuti.
Clicca qui per gestire gli avvisi via email
Torna a Healio
Non siamo riusciti a elaborare la tua richiesta. Si prega di riprovare più tardi. Se continui ad avere questo problema, contatta [email protected]
Torna a Healio

Numerosi prodotti antinfettivi topici sono disponibili per i tuoi pazienti da banco (OTC) o su prescrizione. Non solo gli agenti attivi antinfettivi possono differire tra questi prodotti, ma anche la loro forma di dosaggio farmaceutico (cioè unguento o crema). Le indicazioni per gli antinfettivi topici, tra cui l’acne vulgaris, varie infezioni fungine della pelle, o infezioni virali della pelle (ad esempio, il virus herpes simplex) sono troppo ampie per essere discusse in questa rubrica. Nella rubrica di questo mese si parlerà del trattamento delle comuni infezioni batteriche della pelle, compresa l’impetigine, con gli antinfettivi topici.

L’etichettatura dei vari antibiotici topici include numerosi usi potenziali, tra cui la foruncolosi e l’ectima, anche se il loro beneficio, come dimostrato da studi clinici controllati, è limitato. Le referenze di dermatologia raccomandano generalmente gli antibiotici topici come opzione di terapia per l’impetigine, la follicolite superficiale, la foruncolosi (dopo incisione e drenaggio), e le abrasioni minori. Il trattamento di altre piodermiti, come i carbonchi, l’ectima, la cellulite o l’erisipela, sono meglio trattati con antibiotici sistemici.

foto

Forme di dosaggio farmaceutiche

Gli antibiotici topici sono solitamente disponibili in due forme di dosaggio farmaceutiche, unguenti o creme. Le pomate sono preparazioni semisolide (acqua in olio) che sono generalmente più occlusive (impedendo la fuoriuscita di umidità) e più difficili da rimuovere dalla pelle una volta applicate. Mentre ci sono diversi ingredienti che compongono gli unguenti, molti contengono petrolato. Il petrolato è un eccellente agente occlusivo, e quindi funziona come emolliente (perché l’acqua è il più importante plastificante epidermico) e lubrificante. Tuttavia, i pazienti possono trovare il petrolato disordinato. Gli unguenti, a causa dei loro effetti occlusivi, sono meglio utilizzati per i disturbi della pelle con secchezza associata, e non per le aree con lesioni trasudanti.

Anche le creme sono preparazioni semisolide (olio in acqua) che generalmente non sono occlusive come le pomate. Le creme non sono generalmente disordinate come le pomate, possono essere lavate via con acqua, e i pazienti possono preferire queste forme di dosaggio per questo motivo. Man mano che il rapporto tra il contenuto di olio e la quantità di acqua presente aumenta, le preparazioni semisolide evolvono da creme a unguenti.

Da un punto di vista pratico, è utile avere un’idea della quantità di crema o unguento necessaria per trattare una specifica area infetta della pelle. Se non viene prescritto abbastanza farmaco, i pazienti possono applicarne troppo poco o possono non ottenere più farmaco con una ricarica. Un grammo di crema coprirà adeguatamente un’area di pelle di circa 10 cm x 10 cm (100 cm2); una quantità simile di pomata coprirà un’area più grande del 5%-10%. Un’unità di misura chiamata unità di polpastrello (FTU) può essere usata per stimare quanto farmaco usare. Una FTU (adulto), l’area dalla piega distale della pelle alla punta del dito indice, è approssimativamente equivalente a 0,5 g. Vista in un altro modo, l’area di pelle su una mano adulta piatta e chiusa sarebbe coperta da 0,5 FTU (0,25 g) di pomata.

Impetigine

L’applicazione più comune di antibiotici topici per infezioni attive nel paziente pediatrico è probabilmente per l’uso nella terapia dell’impetigine. Due forme di impetigine bollosa e non bollosa richiedono trattamenti diversi. L’impetigine bollosa, anche se non così comune come la forma non bollosa, richiede l’uso di antibiotici sistemici. La causa batterica dell’impetigine bollosa è lo Staphylococcus aureus, che produce una tossina epidermolitica. L’impetigine bollosa è meglio trattata con un antibiotico sistemico che fornisce attività verso questo patogeno, come la dicloxacillina, alcune cefalosporine (per esempio, cephalexin o cefuroxime), o la clindamicina.

È utile avere un’idea della quantità di crema o pomata necessaria per trattare una specifica area infetta: 1 g di crema coprirà circa un’area di pelle di 10 cm x 10 cm; 1 g di pomata coprirà un’area più grande del 5%-10%.

L’impetigine non bollosa deriva da un’infezione da Streptococcus pyogenes, Staphylococcus aureus o entrambi. Se l’impetigine non bollosa non è estesa o coinvolge la zona della bocca, gli antibiotici topici possono essere efficacemente utilizzati. Un’infezione estesa può essere trattata con antibiotici orali.

Mentre diverse preparazioni antibiotiche topiche possono essere usate, come la bacitracina, l’unguento triplo antibiotico (polimixina B, neomicina, bacitracina), o la gentamicina, la mupirocina (Bactroban, GlaxoSmithKline) è spesso raccomandata. La mupirocina è un antibiotico unico prodotto da Pseudomonas florescens ed è attivo verso lo Streptococco e lo Stafilococco, compreso lo S. aureus resistente alla meticillina (MRSA). Studi clinici in doppio cieco hanno dimostrato che la mupirocina è altrettanto efficace dell’eritromicina somministrata per via orale e superiore alla semplice pulizia delle lesioni. La mupirocina non è stata valutata da studi controllati se confrontata con altri antibiotici topici o altri antibiotici antistafilococchi per via orale. Mupirocina è disponibile in una formulazione di unguento (in una base miscibile con acqua) ed è approvato per il trattamento dell’impetigine nei bambini da 2 mesi a 16 anni di età. È disponibile anche una formulazione in crema, approvata per età da 3 mesi a 16 anni, per il trattamento di lesioni cutanee traumatiche secondariamente infette. Studi clinici controllati hanno confrontato la mupirocina in crema con la cefalexina e hanno trovato la stessa efficacia. La mupirocina non è stata confrontata con altri antibatterici topici per le lesioni cutanee traumatiche secondariamente infette. Bactroban è relativamente costoso rispetto agli altri antibatterici topici qui discussi.

Mupirocina è anche disponibile in una formulazione unica indicata per l’eradicazione della colonizzazione nasale di MRSA negli adulti (12 anni e più) per ridurre il rischio di infezione tra gli individui suscettibili (durante i focolai istituzionali). È stato anche raccomandato in letteratura di usare la mupirocina per via nasale per eliminare la colonizzazione per prevenire l’impetigine ricorrente, che può essere dovuta alla colonizzazione nasale. Gli studi clinici che valutano questo uso, tuttavia, non sono stati eseguiti. Bactroban Nasal, disponibile in tubi monouso da 1 g, dovrebbe essere applicato somministrando la metà della quantità del tubo in ogni narice due volte al giorno per cinque giorni. Dopo l’applicazione il paziente deve essere istruito a premere ripetutamente le narici insieme per un minuto, in quanto ciò diffonde l’unguento all’interno delle narici.

La pulizia appropriata delle ferite minori con saponi antibatterici e l’applicazione di prodotti antibatterici topici OTC può anche essere utile per prevenire l’impetigine ricorrente.

Altri usi degli antibiotici topici

Diversi agenti antibatterici sono disponibili in prodotti OTC o da prescrizione. I prodotti OTC possono contenere bacitracina, neomicina, polimixina B, o una combinazione di tutti e tre (prodotti tripli antibiotici), e possono essere utili per il trattamento di abrasioni minori e possono eventualmente prevenire lo sviluppo di impetigine ricorrente.

La bacitracina, attiva verso i batteri gram-positivi, è disponibile in formulazioni in pomata ed è relativamente poco costosa. La neomicina, un aminoglicoside, è attiva verso molti patogeni gram-negativi.

Uno svantaggio significativo dell’uso della neomicina riguarda la sua propensione relativamente alta a causare reazioni allergiche di sensibilità al contatto. Il rischio di tali reazioni aumenta con l’uso prolungato. La polimixina B fornisce attività verso i patogeni gram-negativi ed è disponibile in combinazione con bacitracina e neomicina. La soluzione di violetto di genziana è anche disponibile OTC per il trattamento di abrasioni minori. Il suo uso può causare macchie sulla pelle o sui vestiti. La gentamicina è un aminoglicoside disponibile su prescrizione in unguento e crema. È menzionata raramente in letteratura come terapia raccomandata per le comuni infezioni della pelle.

Conclusione

In conclusione, i prodotti antibiotici topici possono trattare efficacemente le lesioni cutanee traumatiche infette e l’impetigine non bollosa, permettendo ai pazienti la scelta di una terapia opzionale in cui gli effetti avversi sistemici dei farmaci (come la diarrea) sono eliminati. La mupirocina è altrettanto efficace dell’eritromicina orale nel trattamento dell’impetigine non cranica localizzata. I prodotti antibiotici topici da banco sono opzioni poco costose per il trattamento di lesioni cutanee traumatiche secondariamente infette. La mupirocina, un’opzione relativamente più costosa, può non offrire alcun beneficio per questo uso.

Prodotti antibatterici topici
Agente Usi
mupirocina impetigo (pomata)
formulazione nasale indicata per eliminare la colonizzazione nasale di MRSA
infezioni cutanee minori localizzate (crema)
disponibile in pomata, crema, e unguento nasale formulazioni
relativamente costoso
disponibile su prescrizione
bacitracina infezioni cutanee minori localizzate poco costoso
disponibile OTC
polymixin B infezioni cutanee minori localizzate disponibile in tripla combinazione antibiotica con bacitracina e neomicina
economico
disponibile OTC
combinazione tripla di antibiotici infezioni cutanee minori localizzate numerose marche disponibili
i costi possono variare a seconda della marca
disponibile OTC
neomicina infezioni cutanee minori localizzate alto tasso di sensibilità allergica da contatto
disponibile OTC

Fonte: Edward A. Bell, PharmD, BCPS

Per ulteriori informazioni:

  • Jain A. Infezioni da stafilococco. Pediatrics in Review. 1999;20:183-81
  • Hirschmann JV. Antibiotici topici in dermatologia. Archivi di Dermatologia. 1988;124:1691-1700
  • Dagan R. Impetigine nell’infanzia: epidemiologia in evoluzione e nuovi trattamenti. Ped Annals 1993;22:235-40
  • Britton JW. Confronto tra mupirocina ed eritromicina nel trattamento dell’impetigine. J Pediatrics. 1990;117:827-9
Aggiungi l’argomento agli avvisi via e-mail
Ricevi un’email quando vengono pubblicati nuovi articoli su
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere un’email quando vengono pubblicati nuovi articoli su .

Iscriviti

AGGIUNTO AGLI AVVISI EMAIL
Ti sei aggiunto con successo agli avvisi. Riceverai un’email quando verranno pubblicati nuovi contenuti.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail

Ti sei aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’email quando verranno pubblicati nuovi contenuti.
Clicca qui per gestire gli avvisi via email
Torna a Healio
Non siamo riusciti a elaborare la tua richiesta. Si prega di riprovare più tardi. Se continui ad avere questo problema, contatta [email protected]
Torna a Healio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *